Sei qui
Home > Consigli utili > Equitalia – Agenzia delle entrate : Nuova Rottamazione 2018

Equitalia – Agenzia delle entrate : Nuova Rottamazione 2018

Rottamazione cartelle 2018 ( ex articolo 1 del Decreto fiscale collegato alla Legge di Bilancio 2018, Dl 148/2017 in merito all’estensione della definizione agevolata dei carichi.) notificate dal 1° gennaio 2000 al 30 settembre 2017; come funziona il nuovo condono, il modulo di domanda e tutte le scadenze.

La cd rottamazione bis non è altro che il proseguimento, per il 2018, del beneficio fiscale introdotto con l’articolo 6 del Dl 193/2017, convertito con modificazioni nella legge 225/2017, che ha riconosciuto la possibilità per i contribuenti di richiedere una definizione agevolata dei carichi affidati all’Agenzia della Riscossione e notificati tra il 1° gennaio 2000 ed il 31 dicembre 2016.

Aderendo al Condono Equitalia, il contribuente, ha potuto ottenere un forte sconto sul debito con l’azzeramento delle sanzioni e degli interessi di mora, pagando così solo il tributo con gli interessi affidati all’agente della riscossione e l’aggio.

Ora, con il nuovo decreto fiscale, il Governo ha voluto riprendere nuovamente la rottamazione cartelle al fine di trovare nuove ed immediate risorse per il suo bilancio, ma con qualche differenza rispetto al primo condono.

Alla rottamazione bis 2018 potranno aderire :

  •  I contribuenti che non hanno aderito al primo condono delle cartelle notificate dal 1° gennaio 2000 al 31 dicembre 2016. Quindi entro il 15 maggio 2018 i contribuenti possono aderire alla definizione agevolate delle cartelle notificate dal 1 gennaio 2000 al 30 settembre 2017.

In caso di rateizzazione dell’importo condonato, il numero di rate massimo è 5, aventi le seguenti scadenze:

  1. Luglio 2018;
  2. Settembre 2018;
  3. Ottobre 2018;
  4. Novembre 2018;
  5. Febbraio 2019.

 

  • i contribuenti che hanno aderito alla prima rottamazione, ma non hanno provveduto al pagamento delle prime due rate (luglio 2017 e settembre 2017), possono rientrare nella nuova rottamazione se provvedono a pagare le rate omesse  entro il 7 dicembre 2017. In questo modo i cittadini e le imprese che, per errore, dimenticanza o mancanza di liquidità, non hanno effettuato i versamenti sono riammessi alla rottamazione senza ulteriore addebito.

  • i contribuenti che hanno aderito alla prima rottamazione, ma ne sono stati esclusi in quanto non in regola con il pagamento delle rate mensili di uno o più piani precedenti di rateizzazione con scadenza 31 dicembre 2016, possono rientrare nella nuova rottamazione bis se entro il 31 marzo 2018, pagano le rate scadute in un’unica soluzione ed entro il 31 luglio 2018: pagano l’importo condonato + interessi di mora.  L’accesso alla rottamazione, può essere esercitato presentando l’apposita domanda per via telematica all’agente della riscossione entro il 31 dicembre 2017, indicando le modalità scelta per il pagamento e pagare le rate scadute entro il 31 maggio 2018. Successivamente sarà possibile versare, con al massimo 3 rate, con scadenza settembre, ottobre e novembre 2018, le somme condonate e gli interessi di mora pari al 4,5% e da calcolare a partire dal 1° agosto 2017. In caso di mancato versamento delle rate scadute, l’istanza non può essere accettata

Per tutti la scadenza per aderire alla rottamazione è il 15 maggio 2018.

La nuova definizione agevolata 2018 funziona in questo modo : il cittadino o l’impresa che ha visto notificarsi, tra il 1° gennaio 2000 ed il 30 settembre 2017, una o più cartelle di pagamento, può accedere, tramite domanda, alla nuova definizione agevolata dei carichi affidati all’agente di riscossione, ottenendo così il condono di sanzioni ed interessi; questo è possibile per tutti i contribuenti, sia gli esclusi ed i decaduti dalla prima rottamazione nonché chi non ha fatto domanda alla prima definizione agevolata.

Scadenza domanda: i contribuenti che hanno ricevuto una cartella di pagamento Equitalia (Agenzia Entrate-Riscossione), o di altro agente, hanno la possibilità di accedere al condono cartelle esattoriali, se entro il 15 maggio 2018, trasmetteranno l’apposita domanda.

Domanda-modulo: La domanda per richiedere il condono di sanzioni ed interessi su debiti iscritti a ruolo notificati dal 1 gennaio al 30 settembre 2017, deve essere redatta sul nuovo modulo dell’Agenzia delle Entrate Riscossione, reperibile sul sito dell’Agenzia stessa e che si chiama Modulo rottamazione cartelle DA 2017…..è presente sul sito dell’Agenzia anche una guida per la compilazione.

E’ inoltre presente, al fine di agevolare i contribuenti nelle domande rottamazione bis, un nuovo servizio online che si chiama Fai DA Te Rottamazione bis, che consente, senza bisogno di Pin e password, di compilare il modello domanda rottamazione bis DA-2017 indicando semplicemente i propri dati anagrafici, i contatti telefonici ed elettronici, gli identificativi della cartella da rottamare ed esprimere la volontà di pagare l’importo condonato in un’unica soluzione oppure in 5 rate.

 

Rottamazione bis 2018: come si presenta la domanda?

Il contribuente può scegliere se inviare la domanda:

Una volta inviata la domanda il contribuente riceverà, entro il 30 giugno 2018, l’importo delle cartelle a suo nome che possono essere oggetto di condono, la scadenza delle rate e i relativi bollettini di pagamento oppure l’eventuale rifiuto della propria domanda

Spiderluca
Classe 1977, studi Giuridici ed Informatici. Appassionato di tecnologia e del web fin dai primi anni 90, ha lavorato con i computer per oltre vent'anni ed ancora oggi non smette mai di voler imparare qualcosa di nuovo. Webmaster, SEO specialist, tecnico informatico, un passato in HP-CDS e titolare di alcuni e-commerce italiani.

Lascia un commento

Top